Insalate

Cavolo cappuccio in agrodolce con uvetta e anacardi

Adoro le verdure, questo ormai lo avete capito, ma spesso tendo ad utilizzare sempre le stesse e, per abitudine, a cucinarle più o meno nello stesso modo.

Così, quando dal fruttivendolo ho trovato il cavolo cappuccio viola, l’ho subito comprato con l’intenzione di cucinarlo in modo un po’ diverso dal solito.

È una verdura piuttosto versatile: può essere mangiata sia cruda in insalata che cotta. Solitamente lo preparo stufato in padella, magari per accompagnare un buon arrosto di vitello.

Questa volta ho voluto provare a cucinarlo in agrodolce, una via di mezzo tra la solita ricetta e i crauti, che in realtà non amo molto.

Il risultato è stato sorprendente: era davvero buonissimo! Per rendere il tutto ancora più delizioso ho aggiunto dell’uvetta sultanina, che ha donato ancora più dolcezza al piatto e, per rendere tutto più croccante, gli anacardi, che adoro.

Il cavolo cappuccio in agrodolce è un contorno veloce da preparare; perfetto da abbinare ad un buon arrosto o ad una mozzarella fresca.

Provatelo e sono sicura vi piacerà!

Ecco qui la ricetta.

 

PicsArt_09-17-07.02.52

 

Ingredienti per 4 persone:

1 cavolo cappuccio viola grande

1 cipollotto

80 gr di anacardi

60 gr di uvetta

1 cucchiaio scarso di zucchero

2 cucchiai di olio

½ bicchiere di aceto di vino bianco

Sale e pepe q.b.

 

PicsArt_09-17-07.01.51

 

  1. Procedimento:

Con una mandolina o un affettaverdure taglio il cavolo cappuccio piuttosto finemente. In una padella antiaderente verso l’olio e lo scalogno tritato, faccio soffriggere aggiungendo un cucchiaio d’acqua in modo che il cipollotto non bruci. Aggiungo il cavolo cappuccio e cuocio per un paio di minuti. Unisco lo zucchero, il sale, il pepe, l’aceto e mescolo per bene. Dopo qualche minuto aggiungo l’uvetta e copro con il coperchio. Lascio cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti, se risultasse troppo acido o troppo dolce aggiungo altro zucchero o altro aceto a seconda del proprio gusto.

Cuocio altri 2 minuti a fiamma vivace, in modo che evapori l’umidità, aggiungo gli anacardi, mescolo per bene e servo subito.

 

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *