Primi piatti

I canederli di Marina

In questo periodo, in cui ci si priva di tutto, mi sono presa un paio d’ore tutte per me! Niente bimbe, né pulizie e nemmeno foto: solo tante chiacchiere e cucina. Marina mi ha accolto nella sua casa meravigliosa per insegnarmi a fare i suoi famosi canederli.
Li conoscete? Sono un piatto povero tipico del Trentino Alto Adige: si preparano con pane raffermo, latte e uova, e possono essere arricchiti con speck oppure formaggio.
Qui si mangiano solitamente in brodo o asciutti, conditi con una discreta quantità di burro fuso.
Marina mi ha insegnato tutti  i trucchetti per ottenere dei canederli perfetti. Insieme abbiamo preparato sia la versione con speck, che quella con il formaggio.
Ovviamente dopo averli preparati li abbiamo pure mangiati: sono davvero super! I miei preferiti sono quelli al formaggio, ma anche quelli allo speck sono deliziosi.
Prima di condividervi la ricetta, ecco tutti i trucchetti che mi ha insegnato Marina:
utilizzare pane raffermo (meglio se pane bianco tagliato a pezzetti (qui si trova facilmente nei panifici));
lo speck meglio frullato con un mixer, che tagliato a cubetti;
utilizzare il latte caldo per bagnare il pane;
una volta pronti, fare un canderlo “di prova”, ovvero un piccolo canederlo da cuocere subito, per avere la certezza che non sia troppo morbido e si sfaldi in cottura (se così fosse fate in tempo a rimediare aggiungendo un po’ di pangrattato);
preparate pure i canederli in gran quantità: li potrete congelare e poi metterli a bollire direttamente da congelati (ci vorranno una ventina di minuti).
Dopo avervi dato tutti i consigli, ora è arrivato il momento di sporcarsi le mani: siete pronti? Eccovi la ricetta e buon divertimento!

 


Ingredienti per i canederli allo speck
:

300 gr di pane raffermo
300-400 gr di latte
150-200 gr di speck
erba cipollina tritata
1 uovo
1 cucchiaio di grana grattugiato
½ cipolla o due cipollotti
2 cucchiai d’olio
sale pepe q.b.

 


Procedimento
:

metto il pane a pezzetti in una ciotola capiente. Metto a scaldare il latte e lo verso sopra. Lascio riposare per una mezz’ora. Nel frattempo trito finemente la cipolla e la faccio soffriggere in padella con l’olio per qualche minuto. Aiutandomi con un mixer trito lo speck. Sbatto l’uovo con una forchetta e lo aggiungo al composto di pane e latte. Lavoro con le mani, in modo che diventi omogeneo. Aggiungo lo speck, il formaggio grattugiato, l’erba cipollina e lavoro con le mani, fino a quando il tutto sarà ben amalgamato (se risultasse troppo morbido aggiungo un po’ di pan grattato, se fosse troppo asciutto un goccio di latte). Lascio riposare ancora qualche minuto. Poi inumidisco le mani e formo delle palline del diametro di circa 6 centimetri.
Cuocio nel brodo bollente per 10-15 minuti (una volta messi a cuocere faccio sobbollire, altrimenti tenderanno a rompersi). Una volta cotti, li scolo con una schiumarola e li condisco con burro fuso e salvia, oppure li servo direttamente in brodo.

 


Ingredienti per i canederli con il formaggio
:

300 gr di pane raffermo
300-400 gr di latte
300 gr di formaggio (150 gr di formaggio stagionato 150 gr di formaggio più tenero)
erba cipollina tritata
1 uovo
1 cucchiaio di grana grattugiato
sale pepe q.b.

Procedimento:

metto il pane a pezzetti in una ciotola capiente,. Metto a scaldare il latte e lo verso sopra. Lascio riposare per una mezz’ora. Nel frattempo taglio i formaggi a cubetti piuttosto piccoli. Sbatto l’uovo con una forchetta e lo aggiungo al composto di pane e latte. Lavoro con le mani, in modo che diventi omogeneo. Aggiungo i formaggi , l’erba cipollina e lavoro con le mani, fino a quando il tutto sarà ben amalgamato (se risultasse troppo morbido aggiungo un po’ di pan grattato, se fosse troppo asciutto un goccio di latte). Lascio riposare ancora qualche minuto. Poi inumidisco le mani e formo delle palline del diametro di circa 6 centimetri.
Cuocio nel brodo bollente per 10-15 minuti (una volta messi a cuocere faccio sobbollire altrimenti tenderanno a rompersi). Una volta cotti, li scolo con una schiumarola e li condisco con burro fuso e salvia, oppure li servo direttamente in brodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *