Lievitati

Pagnotta con farro monococco

Conoscete il farro monococco? Si tratta di una varietà molto antica e non facile da trovare.
Io l’ho scoperto grazie a mia mamma che, al ritorno da una vacanza in Alto Adige, dove ha trovato un mulino molto fornito, me ne ha portato un sacchetto. Ovviamente ho subito voluto provare a farci una pagnotta 🙂
Il risultato? Un pane dal sapore rustico, perfetto da mangiare a colazione con della marmellata, magari fatta da voi, ma anche per preparare delle bruschette con della verdura di stagione.
Io ho utilizzato il mio licoli (lievito madre liquido), ma potete utilizzare ugualmente il lievito di birra: in tal caso vi consiglio di usarne comunque poco (2 gr di lievito di birra secco) e aggiungere 30 gr di acqua al vostro impasto.
Pronti a mettere le mani in pasta?
Eccovi la ricetta!

 


Ingredienti
:

150 gr d farina di farro monococco
150 gr di farina tipo1
100 gr di semola rimacinata
260 gr di acqua
100-150 gr di licoli rinfrescato
1 pizzico di bicarbonato
10 gr di olio
10 gr di sale

 


Procedimento
:

Nella ciotola della planetaria verso le farine, 200 gr di acqua e mescolo con un cucchiaio: otterrò un impasto non omogeneo e granuloso. Copro con un canovaccio e lascio riposare per circa un’ora e mezza. Aggiungo alle farine il lievito, l’olio, il bicarbonato e i restanti 60 gr di acqua. Impasto per qualche minuto, aggiungo il sale e continuo, fino a quando non avrò ottenuto un bell’impasto omogeneo ed incordato. Trasferisco in un contenitore ermetico leggermente unto d’olio.
Lascio lievitare a temperatura ambiente per qualche ora: quando inizieranno a comparire le prime bollicine faccio continuare la lievitazione in frigorifero per almeno 12 ore. Tolgo dal frigorifero, lascio acclimatare per un paio d’ore e poi, aiutandomi con un po’ di semola rimacinata, stendo l’impasto su una spianatoia, faccio delle pieghe di rinforzo e formo una pagnotta. Trasferisco la pagnotta in un cestino per lievitazione (metto nel cestino un po’ di semola rimacinata, in modo che l’impasto non si attacchi), copro con un canovaccio e faccio lievitare per un’ora. Scaldo il forno a 240° e metto a scaldare la pentola di ghisa con il coperchio per 30 minuti. Facendo attenzione a non scottarmi prendo la pentola, tolgo il coperchio, rovescio dentro la pagnotta,  incido con la lametta, copro con il coperchio ed infilo in forno. Lascio cuocere per 30 minuti. Abbasso la temperatura a 230° e cuocio per altri 5-10 minuti. Lascio raffreddare su una gratella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.