Primi piatti

Scialatielli a modo nostro

La reclusione forzata si sta rivelando meno dura del previsto, devo ammetterlo! Cerchiamo di vedere il lato positivo dello stare a casa tutti e quattro insieme: le giornate passano tranquille tra smart working, puzzle, faccende domestiche e esperimenti in cucina. Le bimbe si divertono un mondo ad aiutarci: se poi si tratta di mettere le mani in pasta, di sicuro non si tirano indietro 🙂
Oltre al preparare pane e pizza, abbiamo provato a preparare insieme anche la pasta fresca. Ognuno ha il suo compito: io impasto, Matteo e Caterina stendono e formano la pasta e Astrid si occupa di spargere farina per tutta la cucina. Insomma siamo una squadra ben assortita e devo dire che il risultato è anche buono! Insieme abbiamo preparato gli scialatielli: sono davvero facili, perché si preparano semplicemente con acqua, farina ed un goccio d’olio. Noi li abbiamo conditi con un sughetto a base di salsa di pomodoro, olive taggiasche e tonno (la ricetta la trovate qui) ma potete sbizzarrirvi e usare il sugo che più vi piace!
Pronti ad impastare? Eccovi la ricetta.


Ingredienti per 4 persone
:

500 gr di farina 0
250 gr di acqua
1 cucchiaio di olio d’oliva
1 pizzico di sale
semola

 

 

Procedimento:

in una ciotola verso l’acqua, aggiungo l’olio e emulsiono con una forchetta. Aggiungo il sale e poi la farina, poco per volta e mi aiuto a mescolare con una forchetta. Quando l’impasto sarà più compatto, lo trasferisco sulla spianatoia infarinata e lo lavoro, fino a quando non avrò ottenuto un impasto liscio ed omogeneo. Copro l’impasto con una ciotola e lo lascio riposare 30 minuti.
Con l’aiuto di un matterello stendo l’impasto di uno spessore di circa 2-3 millimetri e formo delle strisce larghe circa 10 centimetri. Con una rotella taglia pizza o un coltello taglio delle strisce larghe circa mezzo centimetro. Una volta pronti passo gli scialatielli nella semola, in modo che non si appiccichino tra loro e li adagio su un vassoio. Cuocio gli scialatielli in abbondante acqua salata per pochi minuti e, una volta cotti, li tuffo nel sugo che ho scelto. Servo ben caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *