Primi piatti

Tagliatelle alla curcuma con luppolo selvatico e curry

Conoscete il luppolo selvatico? Io lo adoro: si tratta di un erba spontanea che di solito cresce a ridosso di fossi o ruscelli. Da bambina mi divertivo un sacco ad andare a raccoglierla con mamma e papà: si facevano lunghe passeggiate e ci si arrampicava ovunque, per raccoglierne un bel po’ da portare a casa. Mamma Anna lo cuoceva in padella con un filo d’olio e della cipolla e lo utilizzava per preparare il risotto oppure una frittata. Il sapore è simile a quello degli asparagi, ma più intenso e leggermente amarognolo. Qui in trentino non è molto conosciuto, non lo raccolgono e quindi ne resta di più per me 😉

Qualche giorno fa, durante una passeggiata, ne ho raccolto un bel mazzetto. Appena arrivata a casa ho iniziato subito a pensare a come utilizzarlo. Volevo preparare qualcosa di diverso dal solito, così ho aperto la dispensa in cerca di ispirazione: subito mi è saltato all’occhio un pacco di tagliatelle con curcuma che mi ha regalato il mio amico Roberto. Così mi sono messa subito all’opera per preparare un primo piatto un po’ diverso. In una ventina di minuti ho preparato un piatto davvero gustoso, dal sapore leggermente speziato. La dolcezza della panna ben si abbina al sapore deciso del luppolo e della curcuma; il curry poi da al tutto una leggera nota piccante.

Che dire? Noi qui a casa le abbiamo finite in men che non si dica! Eccovi la ricetta.

 

PicsArt_04-05-07.06.30

 

Ingredienti per due persone:

6 nidi di tagliatelle con curcuma del Pastificio L’Origine

200 gr di luppolo selvatico lavato e pulito

½ cipolla tritata

1 cucchiaio d’olio

100 gr di panna da cucina

polvere di curry e sale q.b.

 

PicsArt_04-05-07.07.09

 

Procedimento:

Faccio scaldare l’olio in una padella, aggiungo la cipolla e dopo un paio di minuti unisco il luppolo tagliato a pezzetti. Aggiusto di sale e faccio cuocere per 10 minuti.

Una volta che il luppolo è cotto, aggiungo la panna, il curry e mescolo per bene.

Metto a cuocere le tagliatelle in abbondante acqua salata. Una volta cotte, le scolo e le trasferisco nella padella con il sugo. Mescolo per bene (se il sugo risultasse troppo asciutto, mi aiuto con un po’ di acqua di cottura della pasta o un goccio di latte) e servo subito.

 

PicsArt_04-05-07.08.59

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *