Secondi piatti

Alette di pollo caramellate con zenzero e ginger ale

Un po’ di tempo fa il mio amico Andres mi ha regalato delle bibite Monelli Company. Qualcuna l’ho utilizzata per preparare gustosi cocktail, altre le ho conservate per fare qualche esperimento culinario. Amo lo zenzero e anche il ginger ale, così ho pensato di utilizzare questi ingredienti per preparare delle gustose alette di pollo. Il risultato è stato davvero ottimo: ho ottenuto delle alette croccanti e saporite, con un gusto leggermente dolciastro, davvero piacevole. È un piatto gustoso e divertente da preparare, particolarmente adatto da servire durante una cena informale con gli amici, visto che le alette si mangiano con le mani 😉

Anche se l’abbinamento è un po’ originale, vi assicuro che queste alette sono davvero gustose; provatele, non ho dubbi che conquisteranno anche il palato dei più scettici.

 

alette di pollo caramellate con zenzero e ginger ale1

 

Ingredienti per 2 persone:

6 alette di pollo

4 cm di zenzero fresco, privato della buccia e tritato finemente

100 ml circa di ginger ale Monelli Company

2 cucchiai di olio di semi

Salsa di soia e sale q.b.

 

alette di pollo caramellate con zenzero e ginger ale2

 

Procedimento:

Prendo le alette di pollo e con un coltello affilato faccio dei piccoli taglietti sulla pelle, in modo che i liquidi possano arrivare fino alla carne. Verso l’olio in padella, insieme allo zenzero e li scaldo per circa un minuto. Aggiungo le alette di pollo e le faccio cuocere su tutti i lati, fino a quando non saranno belle dorate (per facilitare l’operazione mi sono aiutata con una pinza da cucina). Verso il ginger ale, in modo che copra le alette; aggiungo un cucchiaio di salsa di soia e mescolo. Lascio cuocere a fiamma vivace per circa dieci minuti, girando le alette di tanto in tanto. Assaggio la salsa e, se necessario, aggiungo altra salsa di soia o sale. Ultimo la cottura, fino a quando il liquido non si sarà ristretto, diventando così una salsina più densa e leggermente appiccicosa. Servo subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.